Torna a Blog

Supporti di legno per pirografia

Per quanto riguarda i supporti di legno per la pirografia, visto i differenti risultati che si possono ottenere utilizzando le varie essenze, ecco di seguito un elenco dei vari tipi (tratto da “piro hobby”).

pannello legno di abete per pirografia

Abete:

presenta delle venature molto belle, ben sfumate; di colore rossiccio e bianco, è molto poroso e fragile.
L’alternarsi delle parti tenere e dure può però essere un inconveniente per la pirografia, ma l’artista potrà ottenere per la stessa ragione un grafismo irregolare sottolineato da una brunitura del legno attorno ai segni.
Finitura quasi sempre a cera o ad olio.

pannello legno di Acero per pirografia

Acero:

bianco, solcato da ondulazioni grigiastre e dure. Consente un lavoro preciso e molto piacevole malgrado la sua durezza. Colore chiaro, lucentezza satinata, tessitura fine, fibre ravvicinate e talvolta ondulate. Riceve ottimo pulimento e brillante lucidatura.

pannello legno di Agrifoglio per pirografia

Agrifoglio:

molto duro, compatto, si leviga bene. Deve essere usato per lavori di pirografia molto impegnativi. E’ un legno di colore bianco, forse il più bianco esistente, pesante, dalla vena compatta.

pannello legno di Betulla per pirografia

Betulla:

legno duro con venatura fitta e pesante.

pannello legno di Bosso per pirografia

Bosso:

molto duro, pesante, color giallo pallido. Dà grande soddisfazione per i risultati che si riescono ad ottenere ma ha l’inconveniente di essere molto costoso. Di origine orientale, particolarmente adatto per la sua durezza a lavori di tornitura, per tarsie e per piccole sculture.

pannello legno di Carpino per pirografia

Carpino:

legno bianco, duro di difficile lavorazione a causa della direzione irregolare delle sue fibre.

pannello legno di Castagno per pirografia

Castagno:

poco resistente, poroso, ma uno dei legni bianchi più facili da lavorare. Consente di realizzare bellissimi contrasti tonali pur permettendo delle belle sfumature. La lucidatura ha buona resa estetica, ma necessita di una accurata chiusura dei pori.

pannello legno di Cedro per pirografia

Cedro:

Legno dolce di color arancio chiaro, con una delicata venatura.

pannello legno di Ciliegio per pirografia

Ciliegio:

grigio rossastro, con venature brune, si lavora facilmente, si leviga bene ma è soggetto a incurvarsi. È un legno medio duro.

 
pannello legno di Corniolo per pirografia

Corniolo:

bianco, molto duro.

pannello legno di Ebano per pirografia

Ebano:

è un legno di colore nero intenso illuminato da riflessi rosso cupo , la cui origine può essere riferita all’Africa, India e al Madagascar . Si screpola difficilmente, poiché la sua grana fine lo rende compatto e durissimo.

pannello legno di Faggio per pirografia

Faggio:

è difficile da levigare perché duro e si spacca facilmente. Consente però una pirografia molto precisa. È un legno semiduro e compatto,venato un modo uniforme,di colore crema chiaro che muta in rosa se trattato a vapore. Si distingue per chiazze piccole e lucide radunate in alcune parti e visibili anche se l’ essenza viene colorata.

pannello legno di Frassino per pirografia

Frassino:

solcato da venature molto ‘capricciose’ ha un’aspetto bianco o bruno o rossastro. È molto adatto per la pirografia. Il frassino è un legno robusto e flessibile, usato più per le sue caratteristiche tecniche che per l’aspetto. È un legno dalla colorazione abbastanza chiara che varia dal bianco grigiastro al marrone chiaro.

pannello legno di Limone per pirografia

Limone:

acquista una lucentezza molto bella ed è di facilissima lavorazione.

pannello legno di Melo per pirografia

Melo:

legno duro e pesante, con riflessi dal giallo chiaro al marrone.

pannello legno di Mogano per pirografia

Mogano:

colore giallo rosato che vira al rosso bruno dorato se esposto all’aria , tessitura variabile, fibre spesso intrecciate o ondulate con particolare effetto decorativo. Scuro e duro, non consente di realizzare opere particolarmente contrastate e quindi di qualità discreta dal punto di vista cromatico. È un legno duro e resistente dal colore marrone rossiccio riccamente venato. Ha grana fine ed uniforme, proprio per la sua compattezza venne preferito al noce, in quanto particolarmente adatto per intagli e finiture raffinate.

pannello legno di Noce per pirografia

Noce:

caldo, consente la realizzazione di opere pregevoli la cui resa è ottima poichè è un legno che non si incurva. E’ tuttavia molto costoso. Ha colore bruno con venature scure, qualche volta nere. Venne ed è considerato uno dei migliori legni, sia a livello estetico sia per la sua duttilità.

pannello legno di Olmo per pirografia

Olmo:

è di colore marrone chiaro però si scurisce col tempo. La caratteristica più importante dell’olmo è la sua vena fibrosa. Purtroppo è soggetto a deformazioni ed è facilmente attaccabile dai tarli. Viene lucidato sia a gommalacca che a cera.

pannello legno di Palissandro per pirografia

Palissandro:

esistono due qualità di questo legno duro esotico. La più pregiata è quella brasiliana che ha una natura compatta e una grana grossa e aperta. E’ di colore marrone con striature nere. Il palissandro è un legno ostinato e difficile da lavorare. Si scheggia facilmente e a causa della sua natura oleosa è difficile preparare le superfici all’incollatura. Nella impiallacciatura , il palissandro tende a formare piccole crepe e a rompersi nelle sezioni dentellate. Per la lucidatura, dopo aver chiuso bene i pori, si usano vernici a spirito come la gommalacca.

pannello legno di Pero per pirografia

Pero:

ha una grana fine e permette lavori di precisione per esempio una veduta in piroincisione da stamparsi poi su carta. Questo legno dipinto in nero viene molto usato per sostituzioni o imitazioni del legno Ebano.

pannello legno di Pino per pirografia

Pino:

legno molto resinoso usato per la costruzione di mobili popolari praticamente in tutta Italia data la sua diffusione. Ne esistono moltissime varietà con caratteristiche diverse.

pannello legno di Pioppo per pirografia

Pioppo:

molto facile da pirografare perché tenero e di ottimo rendimento cromatico.

pannello legno di Platano per pirografia

Platano:

di grana fine, si leviga molto bene, non si sforma. E’ bruno e meno duro del faggio.

pannello legno di Quercia per pirografia

Quercia:

è assai difficile da lavorare a causa della sua durezza e della sua venatura. Per la pirografia bisogna scegliere le qualità più morbide. Legno di colore giallo bruno ravvivato da striature dorate. E’ forte e duro pur essendo a grana rada e a poro aperto e, non è certo fra i più semplici da lavorare.

pannello legno di Rovere per pirografia

Rovere:

molto meno resistente della quercia (è sempre della famiglia della quercia) ma ha le stesse caratteristiche.

pannello legno di Tasso per pirografia

Tasso:

legno compatto, liscio e brillante. Invecchiando assume sfumature arancio scure/marroni.

pannello legno di Teak per pirografia

Teak:

è un legno duro e pesante, di colore marrone striato. E’ straordinario da lavorare. Appena tagliato ha uno strano tessuto ceroso ed un odore che ricorda il cuoio. Si taglia bene, e come la quercia, si scurisce con l’esposizione alla luce. E’ uno dei legni più forti, durevoli e resistenti all’usura che esistano, ma a causa dell’aspetto opaco e del peso è stato preso in considerazione in occidente solo di recente.

pannello legno di Tiglio per pirografia

Tiglio:

ha una grana fine, di color giallo delicato, molto adatta per lavori a punto. E’ eccellente per la pirografia.

pannello legno di Ulivo per pirografia

Ulivo:

verdognolo o giallastro con ricche venature nere o brune, legno durissimo è compatto ed omogeneo, resiste al tarlo. Se mal stagionato si torce e si spacca, è adatto per fini lavori d’intarsio e per la tornitura. Più che all’ebanisteria, l’uso di questo legno è legato alla scultura. Non è infatti facile da trattare a causa della sua durezza.

pannello legno di Presspan per pirografia

Presspan e altri:

È utile ricordare, per concludere, che sono adatti per essere pirografati anche i compensati e gli agglomerati (come il Presspan) poiché di facile lavorazione. Nei negozi che vendono legno per il ‘fai da te’ è possibile trovare una vasta gamma di oggetti in legno naturale (cornici, vassoi, scatole di varie dimensioni, piatti, ciotole etc.) che possono essere facilmente pirografati.

pannello legno di Compensato per pirografia

Compensato:

realizzato con fogli di legno ottenuti mediante la tranciatura o la sfogliatura. Costituito normalmente da tre strati di legno di cui lo strato centrale corre a squadra rispetto ai laterali.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna a Blog

Ricevi uno sconto di Benvenuto

×